Comuni: Cna Matera sollecita assegnazione immobili nei Sassi

La presidente della sezione ”Artistico e tradizionale” della Cna di Matera, Margherita Albanese, con una nota, sollecita l’amministrazione comunale a velocizzare l’iter per rendere disponibili nei rioni Sassi 15 immobili, attualmente vandalizzati e in parte occupati da abusivi, da destinare all’apertura di botteghe artigiane. La richiesta segue all’espletamento di un bando di assegnazione, poi revocato nel novembre scorso, a causa della effettiva indisponibilità per le condizioni e situazioni degli immobili da destinare a “Quartiere degli artieri”. L’area negli anni scorsi è stata sede dell’incubatore di imprese di Sviluppo Italia (poi Sviluppo Basilicata) e, a seguito di motivi gestionali, è ritornata al Comune. “Dopo la presentazione di un progetto e tramite bando – aggiunge Albanese – la Cna ha firmato con la pubblica amministrazione un contratto di sub concessione per poter creare, in quel quartiere, un polo di artigianato di nicchia con 15 botteghe artigiane e una scuola di ceramica e cartapesta. Purtroppo le lungaggini burocratiche hanno dato la possibilità a gente con pochi scrupoli di vandalizzare e occupare questi locali. Oggi qui si fa spaccio e prostituzione, e ciò che è peggio è che la pubblica amministrazione anziché intervenire per ristabilire l’ordine pubblico e lo stato dei luoghi, ci revoca la sub concessione. A nulla – conclude la dirigente della Cna – è valsa la nostra disponibilità a intervenire economicamente per rimettere in sesto i locali: la pubblica amministrazione è irremovibile e per molti dei nostri artigiani questo è un sogno che si infrange contro il muro di una amministrazione che non è capace di intervenire contro l’illegalità”.