Bari, presentato il Rapporto sulla incidentalità stradale del 2018 in Puglia

Giovanni Giannini, assessore ai Trasporti della Regione Puglia

Incidenti stradali in calo nel 2018 sulle strade pugliesi, a rivelarlo il Rapporto sull’incidentalità presentato dall’Agenzia regionale strategica per lo sviluppo ecosostenibile del territorio. Nell’anno precedente infatti sono state 201 le vittime della strada e oltre 16mila i feriti. La maglia nera della mortalità spetta all’area metropolitana di Bari e a quella di Foggia. La distrazione alla guida rappresenta ancora la prima causa degli incidenti, seguita dall’eccesso di velocità.

Il 69% degli incidenti si è verificato njei centri abitati, il 29% fuori dall’abitato e solo lo 0,7% in autostrada. I conducenti per l’80% sono di sesso maschile e solo per il 19% di sesso femminile.

Tra le strade più incidentate della Puglia cè la statale 16, dove si sono registrati 209 sinistri, seguita dalla statale 100 con 47 incidenti. In provincia di Taranto la strada statale 7 e nel Leccese la 275.

Fondamentale diventa quindi la formazione dei più giovani alla guida sicura. Per questo, Regione Puglia e Ufficio Scolastico regionale hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, attraverso cui impegnarsi nella promozione di una mobilità sicura e sostenibile, organizzando in maniera congiunta, laboratori tematici negli istituti scolastici pugliesi.

Ma l’educazione stradale passa anche da una corretta informazione, per questo, l’ASSET ha dato vita ad una campagna di comunicazione con il supporto del Master di Giornalismo dell’Università degli Studi di Bari.