Bari, serenata neomelodica del cantante Andrea Zeta blocca il quartiere Libertà

Doveva essere una serenata per due futuri sposi, invece si è trasformata in un concerto a cielo aperto per le vie del quartiere Libertà. A esibirsi il cantante neomelodico siciliano Filippo Zuccaro, in arte Andrea Zeta, attorno a cui si è accalcata una folla di fan che in pochi minuti ha bloccato via Principe Amedeo.

Il concerto, non autorizzato, ha creato un assembramento di persone che ha reso necessario l’intervento della polizia per essere disperso ed è stato trasmesso in diretta sui social dell’artista, figlio di Maurizio Zuccaro, esponente in carcere della mafia catanese, affiliato al clan Santapaola.

Sull’episodio si è espresso anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che ha parlato di uno schiaffo morale alle regole e al sistema sanitario, puntando il dito anche contro l’artista. “Si è fatto prendere da un facile entusiasmo dimenticando che questo tipo di situazioni non autorizzate e senza nessuna prescrizione sanitaria, sono un insulto alla sua stessa categoria che da mesi paga un prezzo altissimo dovuto a questa pandemia oltre che un pericolo per tanti ragazzi che forse non sono ancora immunizzati”: queste le parole del primo cittadino barese.