Ferrosud, Patuanelli a De Bonis: valutazioni su commissario e fitto aziendale dopo nuovo tavolo

“Ci sono procedure fallimentari che meritano chiarezza e lumi, specialmente quando il numero delle persone coinvolte è tale da assumere un rilevante interesse sociale”.

Fitto ramo d’azienda Ferrosud, nel corso del Question Time in aula il senatore De Bonis ha chiesto al ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli se non sia il caso di verificare l’operato del commissario straordinario, l’avvocato Antonio Casilli e affidare un nuovo incarico “ad un nuovo commissario, affinché si acquisisca e si valuti più proficuamente un completo piano industriale”.

“Che una azienda di questo tipo si sia ritrovata parte di una procedura fallimentare risulta quantomeno contraddittorio” ha detto De Bonis per il quale quella dell’affitto non è una soluzione efficace per il rilancio e il mantenimento dell’integrità aziendale, né garantisce una base occupazionale stabile.

Il senatore chiede al Mise di valutare la “bontà dell’operazione di affitto”, dal momento che nel corso dell’incontro al ministero del 7 ottobre scorso la Ferrocos si è impegnata “ad impiegare solo parte del personale Ferrosud per la produzione di compattatori per l’igiene ambientale e non per la ristrutturazione di vagoni ferroviari”.

Il ministro Patuanelli all’esordio in aula per il Questione Time dai banchi del Governo ha riassunto la vicenda, citando gli ultimi due incontri, al Mise a Roma e in Confapi a Matera per ricordare al senatore che anche a causa delle vicende ancora pendenti nei tribunali, è attualmente impossibile considerare la vendita del pacchetto azionario dell’azienda oltre al fatto che il piano industriale non è stato ancora definito.

Il ministro, ha pertanto rimandato tutte le valutazioni del caso, dopo l’aggiornamento del tavolo deciso al termine dell’incontro in Confapi del 9 ottobre scorso.