Taranto, donna molestata mentre faceva jogging: 32enne sottoposto a fermo per violenza sessuale

 

 

Tanta la paura per una donna a Taranto che, mentre faceva jogging in Viale Unità d’Italia è stata prima avvicinata e poi molestata da un 32enne nigeriano, senza fissa dimora. L’uomo, ora sottoposto a fermo dagli agenti della Squadra Volante della Questura del capoluogo jonico, per violenza sessuale, è stato anche denunciato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale per essersi scagliato contro i poliziotti. Ricevuta la segnalazione, gli agenti intervenuti sul posto hanno notato lo straniero che, impugnando due bottiglie di vetro rotte, si stava allontanando in tutta fretta in direzione di viale Magna Grecia. Sono scesi dall’auto di servizio e hanno cercato di fermarlo, ma l’extracomunitario ha reagito sferrando alcuni fendenti, non andati a segno. Solo con l’arrivo di altri equipaggi della volante il nigeriano è stato immobilizzato e fatto salire a bordo dell’auto di servizio. La vittima delle molestie ha raccontato che, mentre era intenta a fare jogging, senza accorgersi della presenza dell’uomo, si è prima sentita palpeggiare e poi afferrare per un braccio per poi essere aggredita. Le sue urla hanno attirato l’attenzione di due uomini che sono riusciti a liberare la ragazza dalla presa del 32enne, consentendole di scappare in attesa dell’arrivo del fidanzato avvertito telefonicamente e quello successivo della Polizia. Il fermato, con precedenti penali per episodi analoghi, ha continuato a dimenarsi all’interno dell’auto di servizio minacciando i poliziotti. L’Autorità Giudiziaria ha disposto nei suoi confronti il fermo di indiziato di delitto per violenza sessuale con l’accompagnamento al carcere di Brindisi.