Bif&st, i “Figli” di Giuseppe Bonito e l’eredità di Mattia Torre

Un progetto che il regista ha raccolto dopo la morte prematura dello sceneggiatore

 

Un’eredità importante, e un regalo a un amico prima che a un grande collega scomparso prematuramente. Giuseppe Bonito porta al Bif&st di Bari “Figli” con Valerio Mastandrea e Claudia Pandolfi, un progetto portato avanti con Mattia Torre, talentuoso regista e sceneggiatore romano scomparso poco più di un anno fa. E non nasconde la difficoltà di portare a termine la realizzazione di una commedia che gli ha portato felicità, ma anche tanta malinconia.