Puglia, Conca chiede atti alla task force Covid: “I cittadini devono sapere”

Il candidato presidente alla Regione con la lista Cittadini Pugliesi, ha inoltrato la richiesta al governatore Michele Emiliano e al capo dipartimento Salute, Vito Montanaro

 

“Ho chiesto tutti i verbali e gli atti del gruppo presieduto da Lopalco”. Sono le parole di Mario Conca, candidato presidente alla Regione con la lista Cittadini Pugliesi, che ha richiesto al governatore Michele Emiliano e al capo dipartimento Salute, Vito Montanaro, copia di tutti gli atti e verbali della task force per l’emergenza Coronavirus.

“I cittadini pugliesi – spiega Conca – hanno il diritto di conoscere l’operato della task force voluta da Emiliano, pagata con i soldi dei pugliesi e responsabile di tutte le ordinanze regionali che sono state emanate ad oggi”. “In questi mesi – sottolinea – dalla task force anti-Covid della Regione, il cui responsabile, solo da pochi giorni a titolo gratuito, è il professore Pierluigi Lopalco, abbiamo subìto un susseguirsi di proclami”.

Conca elenca una serie di frasi attribuendole a Lopalco ed Emiliano: da “il virus non viaggia sui barconi del 26 luglio” a “quattro ragazzi ricoverati a Foggia in condizioni severe” del 17 agosto. “Per questo motivo – spiega – ho chiesto tutti i verbali e gli atti del gruppo presieduto da Lopalco a partire dalla sua nomina del 6 marzo”. Conca, transfugo del Movimento 5 Stelle, ha sempre spiegato che la sua candidatura si basa sulle battaglie giornaliere intraprese nelle aule del Consiglio regionale e fuori. “Conosco tutti i dirigenti pubblici perché mi sono occupato di tutti i problemi, non solo su Bari dove sono stato eletto. Ho persino preso un avviso di garanzia su Taranto per difendere un neurochirurgo”.