A Barletta è stata inaugurata una casa per accogliere padri separati e voluta dalla Caritas diocesana

E’ un progetto voluto dal mons. Pichierri, un luogo per accogliere la propria famiglia, per parlare di sé con qualcuno e per risolvere i propri problemi legali. A Barletta la Caritas diocesana inaugura un alloggio per i padri separati in difficoltà economica. Otto unità abitative singole dove i padri separati potranno, per un massimo di 12 mesi, avere a disposizione un letto, una doccia, una lavanderia ma soprattutto assistenza medica, legale, psicologica e un luogo sicuro dove poter incontrare figli e familiari. La casa è allestita all’interno di una palazzina polivalente della stessa Caritas che è stata sistemata per creare degli spazi per ogni tipo di necessità. Il problema che affligge molti separati è anche quello di non avere le risorse per erogare l’assegno di mantenimento. La Casa risponde così ad una problematica ben presente su tutto il territorio: restituisce un luogo a tutti coloro che chiedono sia tutelata la loro dignità e soprattutto uno spazio dove poter riabbracciare i proprio figli.