La Polizia Postale intensifica la lotta contro la pedofilia e la pedopornografia online

In occasione della giornata nazionale che si celebra il 5 maggio, la Polizia Postale mette in luce le azioni di contrasto alla pedofilia e alla pedopornografia online, illustrando risultati e iniziative

La giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia, che si celebra il 5 maggio, rappresenta un’occasione per la Polizia Postale di evidenziare il proprio impegno nella prevenzione e nel contrasto di questi gravi reati. Specializzata nella lotta alla criminalità cibernetica, la Polizia Postale ha presentato un dossier che riassume le principali attività e i risultati ottenuti nell’ultimo anno.

Nel 2023, gli specialisti hanno analizzato 28.355 siti, identificando quasi 2800 pagine web che ospitavano contenuti di sfruttamento sessuale di minori, inserendole in una black list. Sono state inoltre identificate e denunciate oltre 1100 persone per il download e la distribuzione di materiale pedopornografico. Nonostante un lieve calo nel fenomeno dell’adescamento online, si registra un aumento delle estorsioni sessuali, con particolare riferimento ai minori tra i 10 e i 13 anni.

Il Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale di Puglia, insieme alle Sezioni Operative di Lecce, Brindisi, Taranto e Foggia, ha contribuito a significativi successi nella lotta alla pedopornografia online, con 5 arresti e 36 denunce per detenzione di materiale illegale e adescamento di minori. In parallelo, sono stati organizzati oltre 100 incontri formativi per sensibilizzare i giovani all’uso responsabile dei social media e delle tecnologie digitali.

La collaborazione con enti e istituzioni, unita alle iniziative di prevenzione promosse, rafforza l’impegno della Polizia Postale nel rendere Internet un ambiente più sicuro. Questo impegno si riflette anche sul portale ufficiale del commissariatodipsonline, dove si concentrano risorse e consigli per la sicurezza digitale.

.