PVF30, il Volley Femminile della stagione d’oro in diretta su TRM Network: rilanciata l’idea di un nuovo progetto

Tra lacrime di nostalgia e sorrisi di complicità le atlete protagoniste del Volley femminile materano che, a partire dalla stagione 1991/1992 finì per portare la Città dei Sassi sul tetto d’Europa, è andata in scena sabato sera nella piazza Vittorio Veneto la serata di gala/tributo dedicata a tutti i protagonisti di quella splendida avventura.

Un’avventura tutt’altro che irripetibile dal momento che diverse delle campionesse hanno ripetuto a più riprese l’auspicio di rivedere una squadra femminile di volley di Matera giocare ancora nella massima serie del campionato italiano.

Lo ha detto tra le altre Consuelo Mangifesta, ma lo ha ripetuto commossa Roberta Tommaselli, ultima presidente della gloriosa PVF sul palco e in diretta su TRM Network che ha trasmesso l’intero galà, grazie al progetto del giornalista Sergio Palomba, affiancato da una valente squadra di collaboratori (RVM Broadcast, F052 content production e Quadrum), ha stilato e realizzato l’intenso programma di “PVF30, l’incredibile storia del volley materano”, che che culmina oggi, domenica 26 giugno, aprendo le porte del Palasassi per un mini-torneo tra le squadre giovanili di volley di Matera al quale presenzieranno le stesse ex-atlete della PVF, in collaborazione con la Volley Matera e il consorzio PSA Matera Volley composto da Sassi Volley, Pianeta Volley e Volley Academy e il supporto della Fipav Basilicata.

“Una scelta fatta per avvicinare a questa gloriosa storia sportiva tutta materana anche le generazioni più giovani che, per ovvi motivi, non l’hanno conosciuta”.

PVF30 ha celebrato i 30 anni del primo scudetto vinto dalla squadra di volley femminile della città, Keba Phipps, Annamaria Marasi, Consuelo Mangifesta, Giseli Gavio, Nada Zrilic, Krisztina Fekete e Laura Campanale, insieme al tecnico Giorgio Barbieri e al suo vice Francesco Montemurro, hanno salutato i tifosi e la città, che fu testimone, e al contempo protagonista con loro, di quei successi, dal palco di un gran galà che, attraverso le voci di tanti altri, ha ripercorso quella storia gloriosa.

Nel corso della serata all’abbraccio del numeroso pubblico e tifosi, di ieri e di oggi, presenti in piazza e dietro gli schermi di TRM, le ragazze  hanno ricevuto e consegnato targhe e abbracci, ricordando i tanti che contribuirono a quella stagione, da chi non c’è più come il Presidente Salvatore Bagnale,  fino ai tecnici, dirigenti, gli sponsor, l’editore di TRM, gli amministratori locali dell’epoca e attuali, come Domenico Bennardi che con l’intera Giunta e Consiglio comunale ha conferito la cittadinanza onoraria all’intera squadra. Ricordato anche l’indimenticato Nino Grilli, tra i cronisti di punta dell’epoca che proprio per la nostra testata ha raccontato molti di quei successi.

Il progetto PVF30 è culminato con l’anteprima nazionale, della proiezione del docufilm “Il settimo giocatore”, di Vito Cea e Sergio Palomba, che racconta, attraverso le interviste ai protagonisti e l’imponente archivio di immagini messo a disposizione da TRM Network, i primi traguardi internazionali della squadra, dal primo scudetto alla prima Coppa dei Campioni.

A partire da lunedì 27 e fino al 30 giugno, inoltre, “Il settimo giocatore” sarà proiettato anche al cineteatro comunale “Guerrieri” in tre spettacoli: alle ore 18, alle 19.40 e alle 21.15.

Il servizio di Francesco Giusto