Il Foggia resta in C, Canonico sul ricorso respinto: “La partita non è finita. Dimissioni? Le tengo per me”

Nicola Canonico non ci sta e annuncia ancora battaglia. Il Tar del Lazio ieri pomeriggio ha respinto l’appello dei satanelli, insieme a quelli di Perugia e Reggina, con quest’ultima società che ripartirà dai dilettanti, ammettendo definitivamente all’edizione 2023-2024 del campionato cadetto attualmente in corso Lecco e Brescia. Il presidente rossonero, pur rispettando la posizione dei giudici, non esclude ulteriori impugnazioni.

Canonico ha poi precisato in conferenza stampa che le sue dimissioni, almeno per il momento, sono congelate e di non aver ricevuto offerte serie per la cessione del club. Sul mercato ieri sono stati ufficializzati gli acquisti dell’attaccante Mamadou Tounkara, ingaggiato tra gli svincolati, e del difensore Luigi Carillo dal Novara. Una sessione non semplice come specificato dallo stesso Canonico, proprio in considerazione dell’incertezza creata dai ricorsi per la B. Accanto al presidente del Foggia, in sala stampa c’erano anche gli avvocati Giacomo Lofoco e Fabrizio Sgobba, intervenuti per spiegare la posizione del club in merito alla sentenza del Tar.