Minibasket in Piazza: un ponte tra Giordania e Palestina sul parquet materano

L’estate cestistica del 2023 accoglie squadre internazionali da quattro continenti in un messaggio di pace globale

La 31esima edizione del “Minibasket in Piazza”, evento clou dell’estate cestistica a Matera, si preannuncia come un incontro globale che sfiora il cuore di quattro continenti. Quest’anno, 48 squadre internazionali si sfideranno sul parquet materano dal 18 al 24 giugno, rendendo la Basilicata il fulcro del basket giovanile per una settimana.

Le 14 squadre straniere presenti rappresentano una copertura geografica non indifferente: dal Canada all’Algeria, passando per Iraq e Repubblica Ceca, ogni squadra porta con sé la sua cultura, le sue tradizioni e il suo spirito sportivo.

La squadra americana proviene dalla cosmopolita Toronto, mentre dal continente africano partecipano squadre da Lagos e Benin in Nigeria, Tebesse in Algeria e Benghazi in Libia. Dal continente asiatico, si distingue la squadra che riunisce giovani cestisti dalla Giordania e dalla Palestina: uniti sotto una stessa maglia e una stessa bandiera, lanciano un messaggio di pace potente e simbolico.

L’Europa non è da meno, con squadre da Bosnia, Lituania, Repubblica Ceca, Montenegro e Principato di Monaco, oltre alle 34 formazioni italiane. Le squadre ospiti europee provengono da città con forte tradizione cestistica come Kaunas, Praga, Morača, Kotor e Sarajevo.

Oltre alla competizione sul campo, la vera vittoria di questa edizione è il potere unificante dello sport. Le diverse lingue e culture presenti si uniranno nel linguaggio universale della passione per il basket e del divertimento. L’eco di questa diversità riecheggerà nei campi allestiti a Matera, Nova Siri, Santeramo, Corato e Bitritto, sedi dei cinque gironi del torneo.

Questo evento non è solo una celebrazione dello sport, ma un momento di condivisione e di pace, un richiamo alla solidarietà che va oltre le divisioni geografiche e politiche. Un messaggio chiaro che risuona forte e chiaro: la pace è un obiettivo che vale la pena perseguire, ed è più forte di qualsiasi differenza. Sotto il sole della Basilicata, il “Minibasket in Piazza” diventa così un palcoscenico globale dove il basket giovanile diventa uno strumento per unire le nazioni.