Covid-19, a Bari ripartono Cus e Stadio del Nuoto, ma accesso solo con green pass

Ripartono le attività nelle due principali strutture sportive di Bari, ma con obbligo di green pass: dopo le chiusure forzate riaprono lo Stadio del nuoto, chiuso dal mese di dicembre, e il Cus. Per svolgere attività nelle aree al chiuso del Centro universitario gli utenti con più di 12 anni sono però obbligati a presentare la certificazione verde. Inizieranno invece dal 30 agosto le lezioni di scuola nuoto, pallanuoto e di fitness in acqua della Payton Bari che si spostano nello Stadio del nuoto e anche in questo caso green pass obbligatorio. Ed ancora, nel centro sportivo Angiulli l’accesso a tutti gli spazi coperti della struttura per gli over 12 sarà consentito esclusivamente con certificato verde, incluso il bar e i servizi igienici però “i soci o gli atleti sprovvisti di certificazione – si legge in un comunicato – non saranno discriminati ma sarà consentito l’utilizzo delle aree all’aperto della società, quali campi da tennis e pista di pattinaggio. Il loro accesso avverrà dal cancello di uscita, nei pressi del campo di calcio, e sarà monitorato dalla telecamera apposta in reception o accompagnati da un addetto. Tale facoltà – si legge in conclusione – non sarà estesa agli accompagnatori degli atleti o degli iscritti”.