Le proposte per l’efficienza idrica di Confindustria

Cinque strategie per una gestione sostenibile delle risorse idriche

In occasione della Giornata mondiale dell’acqua, Confindustria presenta uno studio con cinque azioni chiave per migliorare l’efficienza nel settore idrico, mirando a una gestione sostenibile e innovativa delle risorse idriche.

Durante il convegno “Dall’emergenza all’efficienza idrica”, Confindustria ha svelato uno studio innovativo, sviluppato con il supporto del Sistema associativo, che delinea cinque proposte cruciali per la politica idrica. L’obiettivo è trasformare radicalmente il settore idrico, rendendolo più efficiente e sostenibile.

La prima proposta si concentra sul contenimento della domanda di acqua, affrontando il problema della dispersione idrica e promuovendo il riuso delle acque depurate in agricoltura e industria. Questo approccio include il miglioramento dei sistemi di irrigazione e la creazione di reti di distribuzione per le acque reflue trattate, sottoutilizzate nel contesto italiano.

L’incremento della disponibilità idrica e la riduzione delle perdite formano la seconda proposta, che punta ad aumentare la capacità di raccolta delle acque piovane e a migliorare la gestione delle infrastrutture esistenti, come invasi e dighe, sottolineando l’importanza di investimenti mirati e di una manutenzione adeguata.

La terza azione suggerisce una mappatura dettagliata delle infrastrutture idriche esistenti e delle necessità del settore, per prioritizzare gli interventi strategici e mitigare gli effetti della crisi idrica attraverso un piano di investimenti a lungo termine.

Per stimolare investimenti e adottare nuovi modelli di governance, la quarta proposta enfatizza la necessità di incrementare il finanziamento nel settore idrico e di promuovere la virtuosità e l’innovazione tra i gestori, oltre alla costituzione degli Enti Idrici Regionali e alla revisione dei perimetri territoriali.

Infine, la quinta azione mira ad incrementare i volumi d’acqua disponibili attraverso un’ampia strategia di investimento che comprende l’adeguamento e il potenziamento delle infrastrutture idriche, promuovendo una gestione industriale del settore per massimizzare le efficienze e le capacità finanziarie.