Sequestrato uno specchio acqueo abusivo a Gallipoli: proprietari di natanti denunciati

Finanzieri scoprono pontili e passerelle realizzate senza autorizzazioni lungo una scogliera a pericolosità elevata

Nei giorni scorsi, finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli, coordinati dal Reparto Operativo Aeronavale di Bari, hanno sequestrato uno specchio acqueo abusivamente occupato e adibito ad ormeggio di natanti lungo il litorale di Gallipoli. La scoperta è avvenuta a seguito di mirati controlli volti al contrasto dei fenomeni di abusivismo sul demanio marittimo.

Le Fiamme Gialle hanno ipotizzato l’abusiva realizzazione di passerelle e pontili in legno, utilizzati per l’ormeggio e l’accesso di natanti, assicurati attraverso gavitelli ancorati sul fondale marino. Tali opere sono state eseguite lungo una scogliera classificata dall’Autorità di Bacino a pericolosità geomorfologica elevata.

I riscontri documentali presso l’Ente comunale, eseguiti dai Finanzieri, lascerebbero ipotizzare che la realizzazione dei posti ormeggio sarebbe stata effettuata senza le prescritte autorizzazioni. In base a queste ipotesi, il Comune di Gallipoli ha emesso un’Ordinanza di sgombero dei natanti, invitando i proprietari delle unità navali a presentarsi presso gli uffici della Guardia di Finanza per la loro identificazione.

Al termine delle indagini, i Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria 18 proprietari dei natanti per irregolarità in materia di occupazione abusiva di spazio demaniale e deturpamento di bellezze naturali, al vaglio della Magistratura.

Sono in corso ulteriori indagini per individuare altri proprietari di unità navali ritrovate in loco e responsabili di eventuali illecite gestioni dell’area sequestrata, nonché approfondimenti di natura fiscale. Il costante presidio del litorale costiero e delle acque marittime da parte delle Unità navali e aree del Reparto Operativo Aeronavale di Bari mira a garantire la vigilanza a tutela del patrimonio demaniale marittimo.