Grandinate a dieci giorni dalla vendemmia, De Noia: “Meno 60% produzione, chiediamo aiuto a Regione Puglia”

Cosi’ il presidente Cia Levante Bari Bat, Giuseppe De Noia, sui danni delle grandinate dello scorso weekend nell’agro di Bitonto, contrada Torre Quadra Rogadeo. Si stima che a causa del maltempo la perdita in termini di produzione del vino sia pari al 60% solo per quanta riguarda l’area metropolitana di Bari e della provincia Bat. Siamo stati nell’azienda agricola di Michele Prisciandaro dove si produce uva da vino, della qualita’ nero di Troia e Montepulciano. Qui, come nell’intero agro di Bitonto, dove si produce anche uva da vino primitivo, San Giovese e moscato, i danni sono evidenti. L’ultima grandita ha comportato ulteriori costi per Michele Prisciandaro che ora, come altri titolari di aziende agricole della zona, e’ costretto a un trattamento straordinario per salvare i chicchi d’uva ammaccati e a rischio muffa grigia a meno di quindici giorni dall’inizio della vendemmia. Una beffa per i produttori, secondo il presidente di Cia Levante Bari-Bat, Giuseppe De Noia, perche’ la stagione particolarmente secca avrebbe dato come risultato finale un vino di eccezionale qualita’. De Noia ha fatto il punto sui danni provocati dalla grandine e sulla necessita’ di un intervento della politica in aiuto dei produttori.