Agricoltura senz’acqua, l’allarme di Cia Puglia: “Senza investimenti, due terzi della regione rischiano la desertificazione”

Sono 149 i progetti presentati dai Consorzi di Bonifica di tutta Italia approvati dal Mipaaf nell’ambito del Pnrr, per un totale di 1,6 miliardi di euro, ma solo uno arriva dalla Puglia, precisamente dal Gargano e ammonta a poco più di 2 milioni di euro.

A mancare all’appello sono soprattutto i Consorzi pugliesi commissariati della Puglia centro-meridionale. A rilevarlo è Cia Agricoltori italiani della Puglia che parla di “zero progetti approvati, proprio in quei territori – provincia di Barletta Andria Trani, area metropolitana di Bari, province di Lecce, Brindisi e Taranto – che hanno più bisogno di uscire dalla perenne emergenza idrica degli ultimi decenni, fortemente aggravatasi negli ultimi anni”. L’associazione di categoria lancia l’allarme: “La nostra regione, una di quelle maggiormente esposte al rischio desertificazione e tra le più sofferenti in assoluto per la scarsità di acque a uso irriguo a disposizione degli agricoltori, in questa prima lista di progetti approvati è praticamente assente, avendo ottenuto circa 2 milioni di euro per opere di manutenzione agli impianti”. Per Cia Puglia servono più infrastrutture che garantiscano acqua a uso irriguo, perchè solo così sarà possibile recuperare un gap infrastrutturale enorme, che potrebbe “avere conseguenze potenzialmente devastanti nell’arco dei prossimi 10-15 anni, soprattutto davanti a cambiamenti climatici che ci presentano il conto di stagioni siccitose sempre più lunghe e frequenti”. Di fronte a questo rischio gravissimo, l’associazione chiede che il Ministero, le Regioni e gli enti coinvolti sappiano garantire agli agricoltori e ai cittadini pugliesi un adeguato livello di investimenti nelle infrastrutture irrigue, attraverso l’istituzione di una cabina di regia composta da professionisti esperti, anche al di fuori degli stessi consorzi commissariati, che monitori la situazione, prenda atto dello stato della rete di distribuzione irrigua e proceda di conseguenza.