Anche Legambiente Puglia celebra la Giornata mondiale delle zone umide

Tarantini: “Celebriamo la Giornata delle zone umide ricordando che non siamo impotenti contro il cambiamento climatico”

Escursioni e iniziative online per celebrare la giornata mondiale delle zone umide, in calendario ogni 2 febbraio. Anche quest’anno Legambiente Puglia ha deciso di ricordare questa ricorrenza. L’obiettivo della giornata è ricordare il ruolo fondamentale di paludi, torbiere e bacini con acqua stagnante nel mantenimento di molti ecosistemi. La data coincide con la sottoscrizione della Convenzione di Ramsar siglata il 2 febbraio 1971, per tutelare a livello mondiale questi habitat favorendo “la conservazione e l’uso corretto delle zone umide tramite l’azione nazionale e internazionale di cooperazione per raggiungere uno sviluppo sostenibile”. Le zone umide mitigano l’impatto dei cambiamenti climatici e regolano i flussi biologici, tutelando la biodiversità e numerose specie protette. “Celebriamo la Giornata delle zone umide ricordando che non siamo impotenti contro il cambiamento climatico e che occorre attivarsi per impedire il prosciugamento di questi habitat speciali – dichiara Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – C’è scarsa consapevolezza del ruolo insostituibile che svolgono, luoghi talmente ricchi di biodiversità che una loro scomparsa sarebbe una catastrofe. Il declino delle zone umide può essere arginato con azioni per migliorare l’approvvigionamento idrico, ma anche sensibilizzando i cittadini su tutti gli aspetti riguardanti la conservazione e un loro uso sostenibile”. Nel rispetto delle restrizioni imposte dalla pandemia, Legambiente ha organizzato anche quest’anno in tutta Italia iniziative per valorizzare questi luoghi, dimora di una ricca varietà di specie tra cui uccelli, mammiferi, invertebrati, rettili, anfibi e pesci, che trovano nelle zone umide risorse di acqua e cibo. Secondo un elenco del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in Italia si contano 65 zone umide, per un totale di 82.331 ettari. Per sensibilizzare grandi e piccoli sulla necessità di tutelarle, i circoli di Legambiente Puglia hanno organizzato escursioni e iniziative online di educazione ambientale.