L’assessore lucano Rosa annuncia una convenzione col CNR per mappare le aree contaminate dall’amianto

La Regione Basilicata e il Cnr-Imaa firmeranno una convenzione per realizzare il “Catasto delle naturali occorrenze di amianto”.

Lo ha reso noto, attraverso l’ufficio stampa, l’assessore lucano all’ambiente, Gianni Rosa. “Si tratta – ha spiegato – di aggiornare la mappatura delle aree dove sussiste una presenza naturale di amianto. Si potrà valutare la contaminazione del particolato atmosferico correlata al rilascio dei materiali contenenti la fibra minerale dagli affioramenti e dai depositi naturali, scongiurando così l’insorgenza di situazioni di pericolo di cui siamo inconsapevoli”.

La convenzione, “finanziata con 150 mila euro, rientra nell’accordo quadro di collaborazione tra la Regione Basilicata e il Consiglio nazionale delle ricerche finalizzato ad attività di comune interesse, tra le quali si annovera l’aggiornamento della mappatura dell’amianto”.

Rosa ha poi sottolineato che “liberare il territorio lucano dall’amianto è uno degli obiettivi che ci siamo posti per la tutala ambientale della Basilicata. Presto partiremo con i bandi per bonificare gli edifici pubblici e le discariche a cielo aperto dove i privati smaltiscono illecitamente piccole quantità del pericoloso minerale. Di amianto si è sempre parlato, ora – ha concluso l’assessore – passiamo ai fatti per proteggere la salute dei lucani e il nostro ambiente”.