Potenza: sigilli a scarichi abusivi lungo il Basento, intimazione del sindaco Guarente

Scarichi fognari abusivi con pericolo inquinamento del sottosuolo a pochi passi dal Ponte Musmeci, opera più importante della città di Potenza, situato all’interno del Parco Fluviale del Basento e per questo meta di centinaia di cittadini.

E’ quanto accertato dai Carabinieri Forestali a 565 metri dal viadotto, in direzione Salerno, oltre che in una zona di contrada Tiera Tufaroli. La segnalazione è stata trasmessa agli uffici comunali e ha portato il sindaco del capoluogo lucano, Mario Guarente, ad emanare ordinanza d’interdizione nelle aree degli sversamenti oltre a dare seguito ad accertamenti del personale tecnico con l’assessore all’Ambiente Alessandro Galella. Praticamente certa la causa, riconducibile a vecchie tubazioni private, mai allacciate alla rete delle acque bianche verso il depuratore, che scaricano direttamente nel Basento. Una situazione, almeno per il Parco Fluviale, che in passato portò a segnalazioni dei frequentatori per olezzi e ristagno di schiuma sospetta.

Guarente ha intimato di regolarizzare gli allacci su tutto il territorio potentino per quanti non lo avessero ancora fatto. Un modo bonario per escludere azioni ben più pesanti. Sulla questione interessati Acquedotto Lucano, Polizia Locale ed altri enti di gestione. I controlli proseguono per accertare altri episodi.