Regionalismo differenziato in Sanità, Cartabellotta (Gimbe): “Materia da maneggiare con cura”

La bozza di decreto che disciplina la riforma dell’autonomia differenziata dei territori italiani è al centro del dibattito politico nazionale.

Il Presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, è intervenuto a Matera all’incontro dul tema “Curare la Sanità” promosso dal Circolo Culturale La Scaletta.

Regionalismo differenziato e materia sanitaria: serve cautela per evitare di allargare il divario Nord – Sud. E’ questo in estrema sintesi la posizione del presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, su un argomento intricato tornato al centro delle cronache con il progetto di autonomia differenziata voluto dalle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Cartabellotta, a Matera, ha partecipato all’incontro promosso dal circolo culturale La Scaletta sul tema “Curare la sanità”, con focus specifico sulle prestazioni e domanda di salute in Basilicata.

Nelle scorse ore, intanto, il Circolo La Scaletta insieme ad altre otto associazione, ha aderito alla raccolta di firme per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare, che vede tra i suoi promotori l’economista Gianfranco Viesti, per la modifica degli articoli 116 e 117 della Costituzione e per fermare il progetto di autonomia differenziata. i rappresentanti delle associazioni hanno redatto un documento che mette insieme i motivi della contrarietà ad una proposta definita “ divisiva e devastante per l’unità nazionale”.