Covid, da oggi Puglia in zona bianca nonostante aumento contagi

In Italia salgono a 17 le regioni in Italia che godono del passaggio in zona bianca

La Puglia torna a colorarsi di bianco. Da oggi, lunedì 14 marzo, è avvenuto il passaggio alla fascia di rischio più bassa, deciso dal Ministero della Salute sulla base dei dati dell’ultimo monitoraggio della cabina di regia dell’Istituto superiore di Sanità. Nonostante l’aumento dei contagi registrato nella regione negli scorsi giorni, così come a livello nazionale, a garantire il passaggio in zona bianca della Puglia è il basso tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva. Secondo il dato rilevato il 10 marzo (ovvero quello preso in considerazione dall’Iss), il tasso di occupazione è al 5,5%, in ulteriore calo rispetto al monitoraggio precedente e sotto la soglia critica del 10% per il terzo monitoraggio consecutivo. Nelle scorse ore l’assessore alla Sanità della Regione Rocco Palese ha dichiarato infatti che il virus continua a circolare, ma che la situazione negli ospedali è ancora sotto controllo. L’invito è comunque alla massima prudenza, anche per i vaccinati.

Salgono a 17 le regioni in Italia che godono del passaggio in zona bianca. Oltre alla Puglia anche l’ Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, la Liguria, il Molise, la Sicilia, la Toscana e Valle D’Aosta. A queste si vanno ad aggiungere la Basilicata, l’Abruzzo, la Campania, la Lombardia, le province autonome di Bolzano e Trento, il Piemonte, l’Umbria e il Veneto. Restano ancora in area gialla Calabria, Lazio, Marche e Sardegna.

La zona bianca consente libertà di spostamento e se si è sprovvisti di Green pass rafforzato, che si ottiene previa vaccinazione o dopo la guarigione, non si hanno grandi limiti. Si può infatti accedere dappertutto. Rimangono particolari limiti per l’accesso nelle Rsa. Si può entrare solo con la terza dose oppure con due dosi più un tampone negativo.