Giornata mondiale epilessia: anche a Bari la Torre dell’Orologio illuminata di viola

L’epilessia colpisce 50 milioni di persone al mondo, di cui 6 milioni in Europa e 500 mila in Italia, con un un’incidenza in aumento

Una malattia neurologica cronica che colpisce 50 milioni di persone al mondo, di cui 6 milioni in Europa e 500 mila in Italia, con un’incidenza in aumento. E’ l’epilessia, una patologia caratterizzata dal manifestarsi di crisi che si presentano all’improvviso e in tante distinte forme. Il secondo lunedì di febbraio attraverso un evento mondiale si cerca di promuovere la consapevolezza verso questa malattia. I monumenti si illuminano di viola per veicolare un messaggio rivolto alla comunità, che invita chi convive con questo disturbo a non arrendersi alla propria condizione, ma a raggiungere una migliore qualità della vita.

L’Associazione italiana che riunisce le persone con epilessia e le loro famiglie, dedica questa Giornata al percorso intrapreso verso l’approvazione definitiva del disegno di legge 716 a sostegno delle persone che soffrono di questa patologia.

Questa patologia, oltre a confrontarsi con una diffusa farmacoresistenza, con farmaci che provano a sedare le crisi ma non ne curano le cause, non offre le giuste misure inclusive. Per una crisi si può perdere il lavoro, senza avere garanzie di riconoscimento d’invalidità per accedere al collocamento mirato riservato alle persone con disabilità. Pertanto solo l’approvazione della legge può dare piena cittadinanza alle persone con epilessia.