Covid: Regione Puglia, possibile aumento casi e ricoveri

In Puglia l’Rt è pari a 1.22, mentre l’Rt relativo all’ospedalizzazione è 1.18

In Puglia andamento in crescita dei casi covid e dei ricoveri ospedalieri. Stabiliti i nuovi orari degli hub vaccinali per garantire un piano più veloce per le somministrazioni delle terze dosi.  

Andamento in crescita dei casi e dei ricoveri ospedalieri in Puglia. In regione l’Rt è pari a 1.22, mentre l’Rt relativo all’ospedalizzazione è 1.18, “entrambi al di sopra della soglia epidemica”.
I dati sono stati diffusi da una circolare del dipartimento Salute della Regione Puglia contenente gli aggiornamenti del Piano strategico vaccinazione anticovid.

In base ai dati raccolti per classe di età, relativa alla settimana di monitoraggio 8-14 novembre, si registra una situazione di incremento in particolare nelle fasce pediatriche e giovanili, ma con un interessamento crescente anche nell’età adulta e anziana.

Questo dato deve essere letto anche alla luce dei risultati dell’analisi dell’efficacia vaccinale che stima dopo i 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale tra il 50 e il 60% la protezione dal contagio, e all’80% la protezione dal ricovero ospedaliero.

Per questo motivo, la situazione richiede un miglioramento dei livelli di copertura, un potenziamento dell’offerta e un’accelerazione dei tempi di somministrazione, in specie, per la dose booster, ovvero la terza dose.
Nelle scorse ore, intanto, è stato fatto un punto anche sugli hub vaccinali. Questi dovranno restare aperti almeno 12 ore al giorno, anche il sabato, la domenica e i giorni festivi. La Puglia attualmente è indietro nella somministrazione della terza dose, per questo motivo la Regione ha deciso di riorganizzare la campagna vaccinale anti Covid.

Previsti anche straordinari per il personale: i direttori generali – si legge nella circolare – potranno impiegare, anche oltre l’orario normale di servizio, gli operatori sanitari e gli operatori di supporto al fine di garantire una operatività dei Punti vaccinali di popolazione per almeno 12 ore sia nei giorni feriali sia il sabato e i giorni festivi.
Quando necessario, per assicurare l’operatività nei Punti vaccinali di popolazione e in quelli territoriali, i direttori generali potranno impegnare, mediante utilizzo di tutti gli istituti contrattuali previsti, sia gli operatori dipendenti in organico presso le strutture ospedaliere, presso quelle dipartimentali territoriali e quelle distrettuali sia ricorrendo a medici e professionisti sanitari liberi professionisti nonché ai medici e professionisti sanitari già reclutati dalla Protezione civile della Puglia.