Policlinico di Bari: sala di terzo livello per le autopsie su salme con malattie infettive

Una sala autoptica all’avanguardia, per indagare a fondo sulle malattie infettive e diffusive. Ed è anche l’unica attualmente a norma in Puglia per poter effettuare autopsie su soggetti deceduti a causa del Covid. È stata realizzata al policlinico di Bari, nell’ambito di una ristrutturazione della Medicina legale universitaria. Un ambiente con il massimo livello di biosicurezza per gli operatori con una camera a pressione negativa, dotata di un sistema continuo di aspirazione e refrigerazione ambientale.

I lavori, disposti dalla direzione strategica del Policlinico di Bari, sono partiti a dicembre e sono terminati a inizio aprile. La sala autoptica di terzo livello, dispone di tutti gli strumenti chirurgici dagli standard più elevati, ed è dotata di un sistema di videoregistrazione con telecamera mobile ad alta definizione, per documentare e registrare tutte le operatività svolte. Le immagini possono così essere proiettate sia all’interno della sala, che all’esterno, così da consentire una interazione continua, in assenza di esposizione al rischio con i consulenti delle parti, avvocati, forze dell’ordine, in caso di autopsie giudiziarie. “Un passo in avanti – spiega il professor Franco Introna, direttore dell’Istituto di Medicina legale – non solo per le indagini riguardanti il Covid”.