Covid-19, in Puglia si rialza la curva dei contagi: 1.895 nuovi positivi e 35 decessi

Si rialza la curva dei contagi in Puglia. Nelle ultime 24 ore, infatti, secondo l’ultimo bollettino epidemiologico diramato dalla task force regionale pugliese, su 12.472 tamponi analizzati, sono stati registrati 1.895 nuovi casi positivi, con un tasso di positività al 15,20%. Resta ancora alto il numero dei decessi, 35 sono infatti le persone che nelle ultime ore hanno perso la vita dopo aver contratto il virus. Dei nuovi positivi, 730 sono stati registrati in provincia di Bari, 347 nel Foggiano, 271 in provincia di Taranto, 209 nel Leccese, 127 nel Brindisino, 1 caso di residente fuori regione e 7 casi di provincia di residenza non nota. I decessi sono invece così suddivisi: 18 in provincia di Bari, 7 nel Foggiano, 5 nel Tarantino, 4 in provincia di Lecce, uno nel Brindisino. Attualmente in Puglia i casi positivi sono 49.422, di cui 2.079 ricoverati in strutture ospedaliere.

Intanto dall’ultimo report della fondazione Gimbe, che ha analizzato l’andamento epidemiologico nella settimana dal 14 al 20 aprile, emerge che in Puglia calano i contagi Covid settimanali e si riduce anche il numero degli “attualmente positivi ogni 100mila abitanti”.

Nel dettaglio, i contagi sono diminuiti del 7,2% rispetto alla settimana precedente, mentre i casi attualmente positivi ogni 100mila residenti sono passati da 1.306 a 1.260. Ancora sopra soglia di saturazione i posti letto in area medica (50%) e terapia intensiva (44%) occupati da pazienti positivi al Coronavirus. Intanto, il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, in una diretta facebook nel corso della quale ha fatto il punto sulla situazione Covid e sulla campagna vaccinale in corso nel Brindisino ha detto: “Dopo aver avuto un picco di 500 positivi un paio di settimane fa, è iniziata una rapida discesa degli attuali positivi, anche per effetto della zona rossa. E’ iniziata – spiega Rossi – una discesa anche del numero dei ricoverati presso le strutture ospedaliere, diminuiti per circa il 20 per cento. C’è un effetto lento, significa che siamo ancora in una fase estremamente complessa in cui la prudenza è estremamente necessaria”.

Riguardo la campagna vaccinale: “In questo momento – ha poi specificato Rossi – dobbiamo attenerci alle dosi che arrivano settimanalmente, e al limite delle 2mila dosi giornaliere da utilizzare per la provincia di Brindisi. Questo vuol dire che la macchina non va a pieno regime, speriamo di farlo quanto prima possibile, ma segue il flusso di vaccini che arrivano settimanalmente”.