Covid, Emiliano: tra Governo e Regioni c’è sintonia su Dpcm Natale

Emiliano: “La situazione dei rientri è diversa rispetto a marzo, la Regione non adotterà particolari particolari provvedimenti”

“Bisogna giocare di squadra, raramente ci sono stati scontri autentici tra Regioni e governo, ma durante il confronto sul Dpcm per Natale non c’è stato nessun contrasto”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, come di consueto in una trasmissione nazionale. “La maggioranza delle Regioni – ha spiegato – è di centrodestra, quindi chiudere le riunioni dicendo che il governo ha ragione non è semplice. Però, il provvedimento adottato in Veneto da Zaia dimostra che c’è un clima generale di prudenza. “Abbiamo capito che gli epidemiologi se ci sarà una seconda ondata, una terza, quanto sarà alta o bassa la curva non possono dircelo con certezza, l’epidemiologia è una scienza esatta”. E sulla possibile ondata di rientri prima delle vacanze natalizie il governatore pugliese spiega che la Regione Puglia non adotterà particolari provvedimenti in vista del rientro dal Centro-Nord di centinaia di persone. “La situazione rispetto a marzo, – ha affermato – quando individuammo e spegnemmo circa 200 focolai Covid generati dai rientri, è diversa, oggi la pandemia è omogenea sul territorio”. “Contiamo sul fatto che tutti sappiano quello devono fare – ha aggiunto – un tampone qualche
giorno prima della partenza, ad esempio, può far stare più tranquilli, non abbracciare i nonni o i genitori non è segno di mancanza di affetto, indossare la mascherina anche in casa”. Lo scorso marzo la Regione Puglia impose a chi rientrava in Puglia di auto segnalarsi e restare in quarantena per 14 giorni.”Siamo pronti” per la campagna vaccinale anti Covid, “- ha continuato Emiliano – il 27 dicembre sarà una giornata simbolica perché vaccineremo poche migliaia di persone. La cosa complessa sarà assicurare la vaccinazione di tutti due volte. La Puglia, però, non ha problemi organizzativi e come al solito faremo le stesse cose che fanno al Nord con la metà del personale. La Puglia ce la farà, ce la faremo”.