Genzano di Lucania, l’ordinanza del sindaco Cervellino

“Ho ascoltato e letto molte considerazioni. Tutte le legittime. È legittima la paura. È legittima la preoccupazione di chi ha una attività lavorativa. Vi prego vivamente di cogliere la tensione sociale del momento. Bisogna innanzitutto tutelare la salute pubblica”.

Il sindaco di Genzano di Lucania, Viviana Cervellino si rivolge direttamente su Facebook presentando ai propri cittadini l’ordinanza che invita “non solo a rispettare ma ad incamerare come stile di vita”.

“Ci salviamo se limitiamo i contatti” ricorda Cervellino sottolineando che medici, le Forze dell’ordine, la Polizia locale, gli operatori sanitari stanno lanciando il cuore oltre l’ostacolo per tutti noi. Mettendo a rischio loro stessi e le loro famiglie”.

Il testo dell’ordinanza

🔴‼️ORDINANZA N. 40 DEL 2 NOVEMBRE 2020‼️🔴
1️⃣IL DIVIETO DI COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE SU AREA PUBBLICA PER I NON RESIDENTI;
2️⃣ LA SOSPENSIONE DI TUTTI I MERCATI SU AREA PUBBLICA;
3️⃣ IL DIVIETO DI ACCESSO DI PARENTI E VISITATORI A STRUTTURE DI OSPITALITÀ E LUNGO DEGENZA, RESIDENZE SANITARIE ASSISTITE(RSA), STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI, AUTOSUFFICIENTI E NON PRESENTI SUL TERRITORIO COMUNALE;
4️⃣ LA CHIUSURA DELLA VILLA COMUNALE;
5️⃣ PROROGATA LA CHIUSURA DEL CIMITERO COMUNALE;
6️⃣ PROROGATA LA CHIUSURA DI TUTTE LE AREE VERDI E LE PIAZZE. RESTA CONSENTITO L’ACCESSO ALLE ABITAZIONI E ALLE ATTIVITÀ ECONOMICHE E COMMERCIALI AUTORIZZATE.
7️⃣ PROROGATA LA SOSPENSIONE DI TUTTE LE ATTIVITÀ DIDATTICHE IN PRESENZA PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO.
8️⃣IL DIVIETO DELLA PRATICA DEL “GIOCO DELLE CARTE” IN TUTTE LE ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE, COMPRESI BAR E PUB.
9️⃣ IL DIVIETO DI ASSEMBRAMENTO ALL’ESTERNO DELLE ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE E DURANTE LA PRATICA DELL’ASPORTO DI CIBI E BEVANDE.
🔟 IL DIVIETO DI RIUNIRSI ANCHE NELLE PRIVATE ABITAZIONI PER NUCLEI FAMILIARI NON CONVIVENTI, FATTA SALVA L’ASSISTENZA AD ANZIANI E DISABILI.
🔴 RACCOMANDA⤵️⤵️⤵️
⚫Di limitare l’ingresso e l’uscita nel territorio di Genzano di Lucania, fatta eccezione per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza di coloro i quali, all’entrata in vigore della presente ordinanza, fossero fuori dal comune per i motivi di cui all’articolo 1, comma 1, lett. b) del DPCM 22 marzo 2020 e dell’articolo 1, comma 1, lett a) del DPCM 8 marzo 2020; fatto salvo l’ingresso e l’uscita dall’area intercomunale da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, compresi farmacisti e veterinari, del personale militare, del personale impegnato nei controlli e nell’assistenza nelle attività relative all’emergenza da COVID-19, nonché degli esercenti delle attività consentite sul territorio comunale e quelle strettamente funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività consentite, ivi compreso il trasporto finalizzato al rifornimento e alla continuità delle predette attività, nonché le attività necessarie a garantire l’allevamento di animali e le attività non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante e animali, con obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.
⚫Di effettuare gli acquisti di beni di prima necessità nel luogo di residenza o di domicilio. In caso di necessità, presso il punto vendita più vicino agli stessi
⚫L’utilizzo dei dispositivi di protezione anche all’interno delle abitazioni private tra conviventi.