Coronavirus, incontro Governo – Regioni ed Enti locali su misure di contenimento

Arriva nella notte dal Cdm il via libera, “salvo intese”, alla Manovra. In arrivo un fondo-Covid da 4 miliardi per il sostegno ai settori più colpiti dalla pandemia.

Azzerati per tre anni i contributi per le assunzioni degli under-35. Altri 4 miliardi saranno stanziati per medici, infermieri e vaccini. Altri 6,1 andranno a scuola, università e diritto allo studio. A cinema e cultura 600 milioni l’anno. Al trasporto locale 350 milioni nei primi mesi del 2021. Approvato anche il decreto per lo stop a cartelle esattoriali e pignoramenti fino a fine anno. Basterà la laurea magistrale per l’abilitazione all’esercizio delle professioni di odontoiatra, farmacista, veterinario e psicologo.

Per stasera intanto si attende l’annuncio da parte di Conte della nuova stretta anti-coronavirus. Non sono bastate le più di tre ore di confronto nel Governo di stanotte infatti per sciogliere i nodi sul dpcm: si tratta ancora infatti, tra l’altro, su scaglionamenti a scuola, chiusura delle palestre e riduzione dell’orario di pub e ristoranti.

La riunione domenicale tra governo Regioni ed Enti locali sulle misure per contenere l’epidemia Covid è stata convocata dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. All’incontro partecipano anche il ministro dell’Università, Gaetano Manfredi e il commissario all’emergenza, Domenico Arcuri, il ministro della Salute, Roberto Speranza, la ministra della Scuola, Lucia Azzolina, la ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, e il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli. Oltre al presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, dell’Upi Michele De Pascale, e dell’Anci Antonio De Caro ci sono anche il vicepresidente della Conferenza delle Regioni Giovanni Toti e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Presenti – sempre da remoto – anche numerosi assessori. I ministri presenti sono Boccia, Azzolina, Manfredi, De Micheli e Speranza.