Bari, trapianto di rene su paziente “risvegliabile”. “Ottime prospettive per evoluzione dell’anestesia”

Il professor Michele Battaglia: “Diminuito in misura sostanziale l’impatto rispetto agli oppiacei”

Un intervento rivoluzionario, tra i primi a livello nazionale, che potrebbe rappresentare una svolta nelle operazioni chirurgiche. Un trapianto di rene su un paziente non sottoposto ad anestesia generale, è stato eseguito per la prima volta al Policlinico di Bari su un uomo di 59 anni, originario di Altamura.

L’intervento è perfettamente riuscito e il paziente è attualmente ricoverato nel reparto di urologia. Il rene è stato donato dalla moglie 56enne, che ha acconsentito al prelievo dell’organo per il trattamento della grave insufficienza renale di suo marito.