Concorso Oss al Riuniti di Foggia: il giudice dà ragione al Policlinico Riuniti

Concorsone Oss, il Tar Puglia rigetta i ricorsi dei candidati

Maxi concorso oss, ha ragione il Policlinico di Foggia: il Tar ha rigettato tutti i ricorsi dei candidati

Concorsone Oss, il Tar Puglia rigetta tutti i ricorsi – sei al momento – presentati dai candidati e dà ragione al Policlinico Riuniti. E’ quanto stabilito all’esito della Camera di Consiglio, quando il Tribunale amministrativo si è espresso su di una serie di ricorsi aventi ad oggetto l’impugnativa della graduatoria finale di merito del concorso pubblico regionale, per titoli ed esami, indetto dagli Ospedali Riuniti di Foggia per la copertura di 2445 posti di operatore socio sanitari. Nessuno dei sei ricorsi presentati ha trovato il favore del Collegio che anzi, a più riprese, ha dato atto del “corretto svolgimento della procedura concorsuale e soprattutto della altrettanto ineccepibile valutazione dei titoli offerti da ciascun candidato interessato, al fine della redazione della graduatoria finale”. In un caso ha anche pronunciato sentenza breve giudicando “ineccepibile l’operato della commissione laddove aveva escluso la possibilità di far valere un titolo di riserva non tempestivamente prospettato nella domanda di partecipazione al concorso”. In gran parte delle pronunce, il Tar ha dato ragione all’azienda della scelta di non accordare alcun punteggio – ai lavoratori che se lo erano auto-attribuito – al servizio prestato anche alle dipendenze di cooperative, presso Rsa ed Rssa accreditate dal servizio regionale. Corretto, dunque, il ricorso all’autotutela per arginare quanti avevano sfruttato l’automatismo della autocertificazione per vedersi attribuiti punteggi non spettanti. Un fenomeno estremamente ricorrente che aveva dato la stura a ricorsi e denunce incrociate cui l’Azienda ha posto fine operando un controllo certosino dei titoli e che si è concluso con l’approvazione della graduatoria definitiva che oggi passa indenne il vaglio della magistratura amministrativa.