Coronavirus: quinto morto in Rsa del Barese

La vittima è un uomo di 90 anni

 

BARI, 17 APR – Un 90enne ospite nel centro Nuova Fenice di Noicattaro (Bari), positivo al coronavirus, è deceduto ieri. Si tratta della quindi vittima che il Covid-19 ha fatto in quella struttura residenziale, dove i casi risultati positivi tra pazienti e operatori sanitari sono complessivamente una cinquantina. Il centro per anziani di Noicattaro è una delle quattro strutture sulle quali sono in corso gli accertamenti della Procura di Bari, che oggi ha disposto nuove acquisizioni di documenti nelle sedi delle Rsa e negli uffici baresi dello Spesal.

 

La notizia del quinto decesso l’ha comunicata il sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato, in una diretta Facebook, spiegando che l’anziano “era ospedalizzato e le sue condizioni sono peggiorate negli ultimi due giorni”. Le altre tre strutture dell’area metropolitana di Bari nelle quali sono stati accertati complessivamente più di cento casi di contagio sono il centro per anziani Don Guanella di Bari, dove si sono registrati almeno 10 contagi e due decessi, la Rssa Villa Giovanna di Bari, dove sono risultate positive 80 persone, 62 pazienti e 18 operatori e c’è stato un decesso, il centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano con più di 20 contagiati.

 

Sulla diffusione dei contagi il procuratore aggiunto di Bari Roberto Rossi ha delegato ai carabinieri del Nas di acquisire documentazione prima negli uffici della Asl di Bari, due giorni fa, e poi oggi nelle quattro strutture e negli uffici dello Spesal, il Servizio di prevenzione sicurezza negli ambienti di lavoro.

 

L’obiettivo di questa prima fase dell’inchiesta è quello di accertare se siano state rispettate le misure di sicurezza, tra le quali l’utilizzo di adeguati dispositivi di protezione individuale. (ANSA)