Puglia. Uova al Fipronil. Ancora sequestri, riunione sul bollino

Il caso Fipronil non si ferma e continuano i controlli e i sequestri, come quello cautelativo da parte della Asl di Bari, in un allevamento su 14mila galline e 1.500 uova a Corato. Erano state infatti trovate tracce dell’insetticida. Nei prossimi giorni dovranno essere eseguite le cosiddette ‘analisi di revisione’ per avere la conferma della presenza della sostanza. In settimana arriveranno anche i dati delle centinaia di analisi realizzate sui campioni raccolti nei controlli in tutta Italia dei giorni scorsi. Risultati che permetteranno di avere nuovi tasselli per comprendere le dimensioni dell’allarme per l’utilizzo vietato dalla legge dell’insetticida negli allevamenti partito dall’Olanda. Intanto è in programma quest’oggi al ministero della Salute la riunione sulle eventuali nuove misure da introdurre. Al tavolo interministeriale tutte le principali associazioni di categoria della filiera. Altre riunioni a livello europeo si svolgeranno a partire da mercoledì. Il direttore per la sicurezza alimentare del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco ha confermato ci si confronterà, su indirizzo del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, per verificare la possibilità di ulteriori misure a tutela della salute dei consumatori e del comparto, che si aggiungono alle misura già previste ora per legge e che hanno portato ai controlli e ai sequestri realizzati. A Bruxelles mercoledì si svolgerà poi un incontro del comitato di sicurezza alimentare con i tecnici dei ministeri dei vari paesi. Seguirà il vertice informale dell’Agricoltura, a Tallinn. Una valutazione aggiornata dei rischi per la salute legati al Fipronil e’ stata pubblicata da parte del Bet, l’agenzia scientifica della Repubblica federale di Germania che si occupa anche della sicurezza delle sostanze e dei prodotti. Il rischio per la salute viene definito ”improbabile”, viste le quantità di prodotto rinvenute nei campioni raccolti.