Ampliamento a Pronto Soccorso e Radioterapia a Matera e Rianimazione e Utic di Policoro

La ASM – Azienda Sanitaria di Matera varerà nelle prossime settimane lavori di ampliamento e potenziamento strutturale, per un importo complessivo di circa 3milioni di euro, così da realizzare gli ulteriori investimenti previsti dagli  obiettivi strategici aziendali.

Nello specifico, come si legge in una nota diramata dall’azienda, si tratta di ampliare il pronto soccorso di Matera (1 milione di euro già assegnato dalla Regione Basilicata) per adeguarlo alle nuove esigenze legate al progressivo incremento dei turisti in città in vista di Matera 2019.

Prossimi al via anche i lavori di realizzazione del bunker della radioterapia a Matera (spesa, circa 1 milione di euro): appena pronto il progetto esecutivo che la ASM sta definendo, la realizzazione dei lavori sarà affidata al San Carlo di Potenza.

Ed è tutto pronto anche per l’ampliamento della rianimazione e dell’utic di Policoro (anche nella circostanza la spesa sarà di circa 1 milione di euro, compresi interventi sull’obitorio): si tratta di due distinte unità operative che saranno adeguate e ammodernate per consentire di fronteggiare l’imponente afflusso di turisti durante il periodo estivo.

L’avvio delle procedure propedeutiche ai bandi sarà possibile entro poche settimane grazie alla approvazione, in questi giorni, di due regolamenti aziendali di attuazione del nuovo codice degli appalti.

Il primo è il regolamento per l’affidamento esterno dei servizi di ingegneria ed architettura. Il secondo riguarda invece le procedure di appalto dei lavori sotto il milione di euro. Entrambi i regolamenti saranno approvati e, prima di essere applicati, sottoposti al vaglio dell’Anac.

La realizzazione dei lavori, si ricorda nella nota, era già prevista dalla ASM per il 2016, ma proprio l’entrata in vigore del nuovo codice degli appalti ne ha bloccato l’avvio ed allungato i tempi. Se l’autorità di vigilanza, conclude poi la nota, non solleverà rilievi sostanziali ai regolamenti ASM entro 15 giorni dall’invio, saranno questi adottati in via definitiva e si potranno quindi completare le procedure propedeutiche alla pubblicazione dei bandi di gara.