Bill Frisell trio e Matera, innamoramento reciproco. Successo per la serata dell’Onyx Jazz club

Uno dei più grandi chitarristi jazz viventi, Bill Frisell, a Matera nella serata del 20 di Luglio per la 34 edizione di “Gezziamoci, Qui Basilicata, la cultura non si ferma” organizzata dall’Onyx jazz club di Matera.

Con lui, Thomas Morgan e Rudy Royston: un trio delle meraviglie che ha coccolato la platea di Terrazza Lanfranchi a partire dalle 21 00 con circa un ora e trenta di concerto.

Un nome altisonante nel mondo del jazz, quello di Frisell, al quale non è mai mancata la voglia di dialogare, di contaminare e di farsi contaminare da altri mondi sonori; note le sue collaborazioni con Elvis Costello, Suzanne Vega, Ginger Baker, Ryūichi Sakamoto, Marianne Faithfull, David Sylvian.

A Matera questa sua caratteristica è venuta tutta fuori offrendo al pubblico della città dei sassi rivisitazione di brani attinti dal repertorio di brut Bacharach, Beatles, Henry Mancini, John Macluaghin, Paul Motian.

Arrangiamenti delicati, quasi a toccare il silenzio, che hanno letteralmente accarezzato i presenti; i passaggi da un brano all’altro quasi impercettibili, eppur sempre identificabili grazie alla grande disinvoltura e bravura nell’esecuzione dei performer.

La tappa di Matera fa parte di un tour europeo che con all’interno solo 4 o 5 tappe in Italia. Matera è l’appuntamento più a sud dello stivale.

E se il trio di Bill Frisiell ha incantato la città dei sassi, la fascinazione è stata sicuramente reciproca. I musicisti pur di catturare con delle fotografie lo scenario mozzafiato di Matera hanno saltato le loro prove, inebriandosi di bellezza e restituendola sotto forma di note.