Omaggio a San Gerardo. Santa Messa in Cattedrale, narrazione tra fede e tradizione

Una carità intelligente, discreta, che chiama in causa tutti per intercettare le nuove povertà. E’ il messaggio impartito dall’Arcivescovo Metropolita di Potenza, Monsignor Salvatore Ligorio, durante la Santa Messa del 29 maggio in diretta su TRMh24 per le celebrazioni in onore del patrono San Gerardo, Vescovo del 1.100 così amato dal popolo da diventarne il pastore più importante.

Ed è ai potentini che Ligorio ha voluto esprimere l’augurio di una ricostruzione dopo la pandemia “solo – ha detto – con un destino comune, facendo posto nei nostri cuori alle necessità degli altri. Nessuno – ha rimarcato – si salva da solo.”
Annullata causa Covid la Storica Parata dei Turchi, in serata TRM Network ha dedicato una speciale programmazione con la Omaggio a San Gerardo: trasmissione dallo studio centrale alla Cappella dei Celestini, ricca di contributi e ospiti. In chiave innovativa, vissuta una narrazione originale tra storia e mito sull’identità potentina a 360 gradi, dal culto di San Gerardo passando al gemellaggio tra le città di Potenza e Piacenza, luogo d’origine del Santo, fino alle prospettive promozionali del territorio in ambito culturale e sociale.

Domenica 30 maggio a partire dalle ore 18 il proseguimento delle celebrazioni religiose in onore del Santo Patrono con la Santa Messa e l’atto di affidamento, cui seguirà la trasmissione di Resurrexit: concerto spirituale di musica sacra dell’ensemble vocale Laetitia, promosso in tempo di Pasqua dall’Arcidiocesi, Federcori Italia e Chorus Inside Basilicata.