Lopalco: “No a soluzioni fai da te per prepararsi al vaccino Astrazeneca”

Un consiglio ai pugliesi, prima che da assessore, da medico. “Chiunque abbia avuto un’offerta a prezzi modici di eseguire esami diagnostici ‘preventivi’ prima di fare il vaccino AstraZeneca, o addirittura dopo la vaccinazione per ‘stare tranquilli’, deve sapere che tali esami non servono a nulla e non hanno nessun valore scientifico”. Lo scrive su Facebook l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, mettendo in guardia da possibili “truffe”. “Analogamente – aggiunge – non va fatta alcuna terapia anticoagulante prima o dopo aver fatto il vaccino. Una terapia anticoagulante fai-da-te può essere molto pericolosa”. “Purtroppo – aggiunge Lopalco – leggo addirittura di convenzioni con laboratori privati per eseguire tali test a prezzo di saldo e viene millantato un supposto ‘supporto’ della Regione Puglia in tal senso”. “Qualora la comunità scientifica dovesse indicare qualsiasi esame diagnostico utile al fine di migliorare la sicurezza di qualsiasi procedura medica – evidenzia – sarebbe incluso nei livelli di assistenza ed offerto a carico del servizio sanitario”. “Mi sento di deprecare questi comportamenti – conclude – che non fanno altro che aumentare, come se ce ne fosse bisogno, la confusione e la sfiducia nei confronti di un vaccino che in questo momento, secondo quello che dice l’Ema, presenta un profilo rischio-beneficio estremamente favorevole”.