Deposito rifiuti nucleari, Sogin amplia modalità di presentazione delle osservazioni

 

La Sogin ha ampliato le modalità con cui i territori interessati dalla realizzazione del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi potranno inoltrare osservazioni e pareri tecnici. Lo ha comunicato la stessa società attraverso un comunicato stampa. Oltre alla modalità telematica sarà ammesso anche l’invio di documentazione cartacea o su Cd e Dvd. E’ stato ampliato lo spazio destinato alla sintesi, portato da 1.500 a 6.000 caratteri.

 “Sogin ricorda -si legge nel comunicato – ai partecipanti alla consultazione pubblica che questo spazio (l’abstract ndr) è destinato a raccogliere, laddove necessario, gli elementi di sintesi dei contenuti prodotti nella documentazione allegata che sarà oggetto di analisi e valutazione in vista del Seminario Nazionale.

Al riguardo, Sogin fa presente che l’art. 27, comma 3 del D.lgs. 31/2010 stabilisce che “i soggetti portatori di interessi qualificati, possano formulare osservazioni e proposte tecniche in forma scritta e non anonima, trasmettendole ad un indirizzo di posta elettronica della Sogin SpA appositamente indicato”. La modalità di trasmissione delle osservazioni per e-mail indicata nella norma di riferimento è, pertanto, così ampliata con la possibilità di integrare l’invio digitale con documentazione cartacea o su supporto ottico”.

Il decreto “milleproroghe” approvato il 19 febbraio ha concesso ai territori interessati, come da loro richiesto, un tempo superiore per la presentazione delle osservazioni pari a 180 giorni dalla pubblicazione del dossier, anziché 60.