Covid, in Basilicata contagi in netto calo, si va verso la conferma della zona gialla

Contagi in netto calo, nessun decesso nelle ultime 24 ore e dati ospedalieri molto al di sotto della soglia d’allerta: sono confortanti le notizie sull’emergenza coronavirus che arrivano dalla Basilicata, regione in zona gialla dallo scorso 11 gennaio. E, considerato il report dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali aggiornato, il “giallo” potrebbe essere confermato anche per la prossima settimana. In particolare, la Basilicata fa registrare il sei per cento dei posti occupati in terapia intensiva, rispetto alla soglia d’allerta fissata al 30 per cento. Per i posti occupati in area “non critica”, ‘occupazione da parte dei pazienti covid pari al 18 per cento rispetto alla soglia d’allerta del 40 per cento. Dopo gli otto decessi del 18 gennaio, come detto, oggi la task force regionale non ha segnalato decessi, con il totale delle vittime lucane fermo quindi a 294. Secondo i dati analizzati che riguardano la giornata del 19 gennaio, sono stati analizzati 884 tamponi molecolari: 57 sono risultati positivi al coronavirus ma di questi solo 55 appartengono a persone residenti in regione.  Scende da 82 a 81 il numero delle persone ricoverate negli ospedali, da cinque a quattro quello dei posti occupati nelle terapie intensive. Con 48 guariti (in totale 5.220) i lucani attualmente positivi sono 6.732 (6.651 in isolamento domiciliare). Dall’inizio dell’epidemia in Basilicata sono stati analizzati 201.530 tamponi, 186.660 dei quali sono risultati negativi. Dal 15 gennaio, invece, sono 1.176 i tamponi antigenici processati. Per quanto riguarda la campagna vaccinale, invece, su 17.265 dosi consegnate, sono stati somministrati 10.356 vaccini, numeri che fanno salire la percentuale lucana al 60% facendo registrare dunque dati migliori di Calabria, Molise e Abruzzo.