Cinema, Bif&st: posti limitati e mascherina per il pubblico

Nell’arena di piazza della Libertà sono state preparate 1.430 poltrone, 715 delle quali saranno utilizzabili a posti alterni, senza possibilità di violare il distanziamento

 

Una edizione particolare, organizzata secondo le regole anti-convid. Parte il Bif&st, il Festival del cinema di Bari. Precisa tracciabilità degli spettatori che parteciperanno al festival, i quali in fase di prenotazione dovranno lasciare il proprio numero di telefono, accessi separati alle arene dove ci saranno le proiezioni, misurazione della temperatura, mascherina obbligatoria, cartellonistica informativa, dispenser con gel igienizzanti e distanziamento: sono le rigide regole anti-Covid messe in piedi dall’organizzazione del Bif&st, il Bari international film festival, in programma fino 30 agosto.

 

Nell’arena di piazza della Libertà sono state preparate 1.430 poltrone, 715 delle quali saranno utilizzabili a posti alterni, senza possibilità di violare il distanziamento neppure per i congiunti. Nel vicino Teatro Piccinni saranno utilizzabili 232 degli oltre 700 posti e, nella corte del Castello Svevo, 150 delle 300 sedute allestite, sempre secondo la regola dei posti alternati. Al pubblico sarà consentito, una volta seduto, di abbassare la mascherina, ma “consiglieremo di mantenerla – spiega il direttore organizzativo Angelo Ceglie – anche durante le proiezioni”. Sarà consentito l’accesso anche ai minorenni ‘over 14 anni’, purché accompagnati dai genitori con autocertificazione che ne autorizzi la presenza.