Covid, positivi al Coronavirus nove dei migranti arrivati nelle scorse ore a Gallipoli

La Asl Bari intanto smentisce aumento di casi sospetti nelle aree pre-Covid

 

I migranti arrivati nella notte fra lunedì e martedì sulle coste salentine, a Gallipoli, sono stati sottoposti al tampone per il Coronavirus, e in 9 sono risultati positivi. Gli altri saranno nuovamente sottoposti al test nelle prossime ore perché a rischio. Contagiati 5 uomini e 4 donne, si trovano in una masseria gestita dalla Croce Rossa alla periferia di Lecce, in isolamento.

 

Nel frattempo dalla Asl di Bari arriva la conferma che non esiste alcun aumento di casi sospetti nelle aree pre-Covid degli Ospedali di riferimento dell’area del barese. Tutti i Pronto Soccorso aziendali nei mesi scorsi sono stati riorganizzati – e continuano ad esserlo –  per eseguire il triage pneumologico su soggetti che presentano una sintomatologia assimilabile a quella data dal virus Sars-Cov 2.

 

Le aree di osservazione, distinte e separate dai PS, servono proprio per permettere l’esecuzione dei tamponi e ad attenderne l’esito. Ribadiamo, contrariamente a notizie circolate, che in questo periodo non si è verificato alcun aumento dei casi sospetti e, a conferma, vi è l’esito negativo di praticamente tutti i tamponi effettuati nelle strutture ASL. Naturalmente, il personale sta continuando a lavorare con scrupolo e meticolosità, anche se la fase emergenziale è alle spalle, per intercettare tempestivamente anche il minimo caso sospetto. Ciò, in qualche momento, può portare ad allungare le attese, senza che ciò possa però giustificare allarmismi che, allo stato, non hanno nessun fondamento.