Primarie centrosinistra in Puglia, ecco le regole per votare

La Puglia è chiamata al voto per scegliere il candidato di centrosinistra che alle prossime regionali che si svolgeranno in primavera, sfiderà gli sfidanti delle altre fazioni politiche. Oltre mille volontari in 272 seggi, dislocati su tutto il territorio pugliese, che avranno il compito di vigilare sulle operazioni di voto, iniziate già dalle 8 del mattino e che proseguiranno fino alle 20. Poi inizierà lo spoglio e con molta probabilità già nella tarda serata si potrà conoscere il nome del vincitore di queste primarie di centrosinistra. Quattro gli sfidanti, l’attuale governatore pugliese Michele Emiliano, il consigliere regionale Fabiano Amati, Elena Gentile, fino allo scorso anno eurodeputata, e lo scrittore e sociologo Leonardo Palmisano. Potranno votare tutti i cittadini italiani, dell’Unione europea o di altri Paesi extra europei, purchè siano residenti nei Comuni pugliesi ed abbiano compiuto 16 anni entro il 31 dicembre 2019. Per votare è necessario recarsi nel seggio del proprio quartiere di residenza ed esibire un documento di identità, lasciando un contributo di un euro per coprire le spese organizzative. Potranno votare anche gli studenti fuorisede, gli allettati e i migranti, purchè si siano registrati sull’apposita piattaforma www.primariepuglia2020.it.