Ruvo, riparata la giostra vandalizzata

A Ruvo ragazzi danneggiano una giostra e la riparano per punizione.”Questa è una lezione di vita” le parole del primo cittadino


Chi rompe paga? A Ruvo chi rompe ripara. Questa è la lezione di vita che il primo cittadino, Pasquale Chieco ha voluto dare ai ragazzi che avevano distrutto la giostra in legno con i cavalli allestita in piazza Matteotti, a pochi metri dall’ingresso di Palazzo di Città. Una giostra finita sotto ripetuti attacchi vandalici e che aveva portato il primo cittadino a uno stop dell’attrazione realizzata dai cittadini. Un segnale forte per Chieco che aveva anche promesso di rintracciare i colpevoli. Si trattava di un’istallazione che aveva visto impegnati tutti i cittadini di Ruvo: un progetto collettivo che aveva impegnato per mesi i cittadini. Ma il senso di comunità è andato perduto quando è stato distrutto dai giovani. Rintracciati i colpevoli, e accompagnati dai loro genitori, i danni sono stati ripararti. E con un post su facebook, Pasquale Chieco spiega che con gli adolescenti e con i genitori, hanno riacceso quelle luci danneggiate, tornando sui cavallucci, adulti e bambini. “Questa esperienza – si legge ancora nel post – ci dice che bisogna rafforzare la rete tra le diverse agenzie educative, ma ci ricorda soprattutto che la prima e più importante scuola resta la città. Il primo e più importante modello educante siamo tutti noi adulti”. Tutti insieme quindi per ricostruire un bene collettivo. Il progetto Luci e suoni d’artista riparte, quindi, e rimarrà acceso fino al giorno di san Biagio, patrono della città.