No alla centrale a biomasse nell’area Jesce dal Comitato Vivi Jesce

Un no secco alla costruzione di una centrale a biomasse, nei pressi dell’area industriale di Jesce è arrivato nella mattina del 25 Marzo dal Comitato Vivi Jesce, sodalizio costituito da circa una ventina di imprese della zona, diversi cittadini e associazioni di categoria, nel corso di una manifestazione pubblica organizzata all’interno dell’antica Masseria Jesce situata sulla via Appia.” I rischi verso cui andiamo incontro – hanno detto dal Comitato – sono sia di tipo occupazionale, perchè molte imprese di tipo agroalimentare potranno decidere di delocalizzare, sia di tipo culturale vista la presenza, in loco, di diverse emergenze archeologiche”. La centrale a biomasse avrebbe superato tutti gli step autorizzativi ma c’è chi spera – come l’amministratore unico del Consorzio Industriale di Matera Carlo Chiurazzi – “che arrivi una soluzione politico amministrativa diversa. Per esempio, che il Comune di Altamura prenda decisioni sulla delocalizzazione dell’impianto proprio per evitare l’ipotesi estrema del ricorso giudiziario”. Pronta la risposta del Sindaco di Altamura Giacinto Forte – “siamo per una soluzione che accontenti tutti – ha detto – e cioè la delocalizzazione dell’impianto. Ma posso soltanto chiederlo”. Rispetto alla situazione venutasi a creare ha precisato invece di “non essere stato invitato nell’ultima conferenza di servizi in cui è stato dato il via libera definitivo alla centrale a biomasse e che tutto il percorso autorizzativo, cominciato 5 anni fa, è stato portato avanti dalla precedente amministrazione”.