Commissione “Lucani nel Mondo”. Per la prima volta la riunione annuale a Buenos Aires

I lavori dell'assemblea dello scorso anno

I lavori dell’assemblea dello scorso anno

Con l’obiettivo di “coniugare attività istituzionale, cultura ed economia per promuovere la Basilicata e rendere omaggio ad un Paese che conta il maggior numero di emigrati lucani”, dal 25 febbraio si svolgerà a Buenos Aires, in Argentina – “per la prima volta fuori dai confini nazionali” – la riunione annuale della Commissione regionale dei Lucani nel mondo.

Lo hanno annunciato il presidente del consiglio regionale e quello della commissione, Piero Lacorazza e Nicola Benedetto, spiegando che “quest’anno spenderemo 62 mila euro, confermando la generale tendenza alla riduzione delle spese che caratterizza l’attività del consiglio regionale” (nel 2014 furono spesi 124 mila euro, l’anno scorso 77 mila).

Nel sottolineare il “ricco e intenso programma previsto”, Lacorazza e Benedetto, attraverso l’ufficio stampa del consiglio regionale, hanno spiegato che, “dopo la modifica apportata lo scorso anno alla ‘Disciplina generale degli interventi in favore dei Lucani nel mondo’, che prevede la possibilità di far svolgere i lavori della Commissione a rotazione nei vari continenti con maggiore presenza di emigrati lucani, è stato possibile incrociare le richieste dei nostri corregionali che da tempo invocavano un riconoscimento a quel forte sentimento di appartenenza ad una comunità che ha sempre caratterizzato gli emigrati di prima, seconda e terza generazione.

Le radici sono importanti, noi lucani dobbiamo alimentarle perché non rimangano prigioniere della terra ma diano vita ad un albero che possa respirare l’aria del mondo, dei mondi”. “Un tributo ad una comunità che siamo riusciti a concretizzare anche riducendo i costi rispetto a medesime iniziative che si sono realizzate negli anni scorsi in Basilicata, nonostante la manifestazione quest’anno si svolga in un paese a circa undicimila chilometri dall’Italia. Un’occasione importante, questa anche per promuovere Matera 2019.

In sinergia con la Fondazione Matera 2019, l’Apt di Basilicata e la Lucana Film Commission, lanceremo un univoco messaggio: Matera Basilicata 2019 è Italia 2019 – hanno concluso Lacorazza e Benedetto – il luogo dei luoghi in cui gli italiani possano e dovranno riconoscersi, ognuno con i piedi nella propria terra e con la testa nel mondo”.