Matera 2015. Le ultime dalla campagna elettorale per le prossime amministrative

Sono selezioni-comunali-2012tati resi pubblici questa mattina nel corso di una conferenza stampa convocata ad hoc i nomi dei 5 assessori selezionati dal Movimento 5 Stelle per comporre la loro eventuale giunta comunale in caso di vittoria alle prossime amministrative materane del 31 Maggio.

All’ambiente e trasporti Angelo Ferrandina 41 anni, materano, professione ingegnere;  turismo e cultura Loredana Capucciolo, 46 anni barese residente a Matera, consulente per una società di marketing;  all’innovazione e attività produttive, Gianluca Di Leo, 32 anni, materano, consulente per una società di servizi e telecomunicazioni; all’urbanistica, Giovanni Nicoletti, 49 anni, professione architetto, materano, residente ad Helsinky; alle politiche sociali, Silvia Marcadelli, 54 anni, dipendente dell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Questi ultimi 2, non presenti in conferenza stampa, per questioni lavorative.

Il sesto assessore, a cui andrebbe la delega al bilancio e al patrimonio – ha fatto sapere il candidato sindaco Antonio Materdomini – lo sceglieremo se dovessimo vincere le elezioni. Sono 34, in totale, i curricula pervenuti; tutte autocandidature spontanee – ha sottolineato Materdomini.

La commissione che ha esaminato le proposte è composta da membri interni più 3 elementi esterni, ossia un consigliere comunale di Lavello, uno di miglionico e il Sindaco di Montelabbate. Tra i requisiti tenuti in considerazione: l’assenza di condanne penali pendenti e in corso.

 “Questa è un’iniziativa semplice ma rivoluzionaria” – ha dichiarato Materdomini “va contro il metodo di nomina degli Assessori attualmente usato da tutti i partiti politici tradizionali che scelgono la giunta di governo cittadino sulla base di convenienze, amicizie, scambi di favori e bacini elettorali.

È tornato intanto ieri a Matera Renato Schifani, Presidente del Gruppo di Area Popolare al Senato. È giunto a sostegno la lista “Matera Popolare”, formazione civica che fa capo al candidato Sindaco Raffaello De Ruggieri. Con lui anche il responsabile Mezzogiorno NCD-Area Popolare, Guido Viceconte, il Coordinatore Regionale MCD-Area Popolare, Vincenzo Taddei ed il capogruppo UDC-Area popolare, Franco Mollica.

Una occasione per fare il punto sul futuro del centrodestra a livello locale e nazionale. Le primarie del Movimento 2020 – ha detto Schifani – rappresentano un modello e un esempio anche a livello nazionale, uno strumento cui occorrerà ricorrere per scegliere leadership e classe dirigente.

Sempre in riferimento all’universo Centrodestra e alle future alleanze, Schifani ha poi escluso ogni possibile contatto con Matteo Salvini, uomo che ha definito anti-sistema, anti-Stato e anti-Euro; una persona di questo tipo ha ribadito non farà mai parte di un progetto di cui area popolare è protagonista. L’area dei moderati pesca moltissimo nel Mezzogiorno; lo stesso fatto che manchi la Lega nel Sud, questo partito antisistema, rafforza la politica dei popolari del Mezzogiorno”

Il sindaco uscente ricandidato, Salvatore Adduce, intanto, questa mattina, a Bruxelles, ha presenziato al momento di assegnazione formale del titolo di Capitale europea della cultura 2019, da parte del Consiglio Cultura dell’Unione Europea, a Matera come a Plovdiv e, tramite l’ufficio stampa del Comune, questa mattina ha annunciato che domani sera alle ore 20, in piazzetta Pascoli, è in programma un incontro coi cittadini per festeggiare.

A tal proposito, Adduce, ha invitato tutti i candidati sindaco a partecipare, sospendendo per una sera la campagna elettorale. “Il traguardo raggiunto è un traguardo di tutta la città – ha scritto nella nota – e per questo credo sia opportuno festeggiare insieme questo storico traguardo raggiunto che da inizio a un nuovo cammino della nostra città e della Basilicata”.

Dopo un breve saluto del Sindaco e del direttore, Verri, è previsto un videomessaggio del Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Franceschini. Subito dopo il cabaret di Dino Paradiso e la presenza dei Rumit, gli uomini albero che accolsero la giuria, poi lo “strazzo” del pane di Matera, come già fatto con la manifestazione “Pane Universale Matera Capitale”.

Angelo Tortorelli, ieri sera, ha ripreso la serie di incontri pubblici coi residenti dei vari quartieri della città da borgo La Martella. “Sta emergendo un bisogno di partecipazione e attenzione che per troppo tempo è stato ignorato, rendendo i rioni dei luoghi senz’anima, scollegati dal centro della città. I cittadini non chiedono interventi straordinari, ma invocano a gran voce uno straordinario desiderio di poter contare su servizi efficienti ed efficaci”.

A La Martella i cittadini hanno espresso sdegno profondo per la mancanza di un servizio essenziale come la farmacia e, ancor più, per il prezzo troppo alto pagato in termini di salute pubblica, a causa della discarica, che Tortorelli ha definito “emblema della incapacità dell’amministrazione uscente. Ora la discarica è chiusa – ha concluso – perché è piena, non perché si sia individuata una strategia per porre rimedio ai danni procurati in questi anni. La salute pubblica non può essere barattata con il rifacimento di marciapiedi, che pure rappresentano un diritto dei cittadini e non un favore concesso”.

Si attendono, per la settimana, altre iniziative del candidato Franco Vespe, mentre Antonio Cappiello fa sapere che giovedì prossimo, nel pomeriggio, sarà difronte l’ex caserma del corpo forestale dello stato a Matera, nei pressi del Cara, per manifestare contro l’arrivo di duemila nuovi immigrati in Basilicata. “Gli italiani prima di tutto”, ammonisce il candidato.