Basilicata in protesta contro Imu agricola. Martedì 70 trattori in Piazza Visitazione a Matera

agricoltura«L’approvazione del decreto Imu sui terreni agricoli continua a creare contrarietà nel mondo agricolo lucano; a scrivere questa volta è Copagri Basilicata. «La questione – dice il Presidente Lucano Nicola Minichino – è semplice; l’imposta va abolita perché va a colpire i terreni produttivi di un settore che ha ampiamente dimostrato, soprattutto in termini di export e occupazionali, di poter essere trainante per il superamento della crisi e di poter davvero creare ricchezza». Ad essere colpiti, sono i beni strumentali e quelli che servono ordinariamente agli agricoltori per produrre; senza considerare tutte le calamità naturali che hanno colpito il comparto primario. Il tutto, per di più, in un momento cruciale, quando, cioè, siamo alle porte di una occasione irripetibile come Expo Milano 2015. «La manifestazione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dei rappresentanti in Parlamento che a Roma, lo scorso 25 febbraio, ha visto in piazza Montecitorio rappresentati sindacali ed operatori agricoli, è stata solo la prima delle iniziative che COPAGRI ha in programma a livello nazionale. Intanto, martedì 24 aprile, circa 70 trattori provenienti da Basilicata e Puglia invaderanno la città dei Sassi su iniziativa di Altragricoltura, così come annunciato dal dirigente Gianni Fabbris in una conferenza stampa venerdì mattina a Matera. Prima della prostesta, ci sarà una serie di iniziative come il presidio in Piazza Vittorio Veneto; martedì, invece, i cingolati saranno sulla statale 7, verso le 8 del mattino. Alle 9, conferenza stampa davanti alla sede del Consorzio di Bonifica a cui il Comitato consegnerà una diffida contro gli aumenti delle tariffe. Dalle 9,30, in poi, trattori in arrivo dall’Aia del cavallo attraverso la rotatoria del Pino e manifestazione in piazza della Visitazione.