Opportunità dei giovani in agricoltura. Un seminario all’Itas di Matera

psr 2014 2020Matera – Sono cresciute in maniera esponenziale – stando ai dati forniti dall’Itas, l’istituto tecnico agrario statale Briganti di Matera – le iscrizioni dei giovani ai corsi di studi attenenti il settore primario: del 39% per quanto riguarda gli istituti tecnici agrari e del 72% in riferimento alla facoltà di agraria. Segnale questo dell’attenzione maggiore dei giovani al green jobs in un momento di generale crisi degli altri comparti economici. In virtù di questo, l’istituto Briganti in collaborazione con il Dipartimento politiche agricole della Regione Basilicata ed il Comitato ex alunni Itas ha organizzato stamani un seminario per illustrare le misure previste dal programma di sviluppo rurale 2014 2020 utili al ricambio generazionale in agricoltura; il PSR, attualmente in discussione ancora a Bruxelles, mette a disposizione circa 680 milioni di euro, di cui 440 di sponda europea, più di 100 dal Governo centrale e 80 regionali. Tra le misure principali previste ricordiamo quella relativa alle aggregazioni, al biologico e a i primi insediamenti. Proprio su quest’ultima ci siamo soffermati con l’Assessore all’agricoltura della Regione Basilicata, Michele Ottati. “Per i giovani sotto i 40 anni – ha detto Ottati – è previsto un premio d’insediamento ammontante a 75 mila euro; ci rivolgiamo sia a chi vuole cominciare, per propria intrapresa, un’attività in agricoltura sia a chi desidera continuare quella dei genitori. Il giovane in questione – ha specificato l’Assessore – deve dirci in anticipo quello che spera di ottenere come risultato, come impatto come posti di lavoro, come mercati da conquistare con la sua idea imprenditoriale. I bandi attinenti i primi insediamenti e le aggregazioni saranno pubblicato entro febbraio 2015.