Turismo: tre attrattori Gal Bradanica per collina materana

abbazia_di_montescagliosoMatera. L’Abbazia di San Michele Arcangelo di Montescaglioso, il chiostro dell’ex convento di San Francesco a Irsina, il bosco ”Tre Coste” di Grottole, in provincia di Matera, sono i siti culturali e ambientali che il Gruppo di azione locale ”Bradanica” valorizzerà come attrattori dell’offerta turistica locale. Lo ha annunciato il presidente del Gal, Leonardo Braico, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore Nicola Raucci e operatori locali. ”Si tratta di iniziative – ha detto Braico – destinate ad accrescere l’appeal dei centri della collina materana, valorizzando risorse e potenziando la rete dei servizi”. Gli interventi, già appaltati a imprese locali, prevedono un investimento di 500 mila euro (metà pubblico e metà privato) nell’ambito della programmazione Fears ”Attrattore turistico-culturale”. A Montescaglioso la società locale CooperAttiva con un investimento complessivo di 150 mila euro realizzerà nuovi allestimenti museali negli interrati del monastero e dell’esistente percorso visita al pianterreno, compresa l’area archeologica. L’intervento prevede l’ampliamento dell’info-point turistico, la ricostruzione della cella del monaco, dello scriptorium e della spezieria. Saranno sistemati, con funzioni a tema,il piano seminterrato dell’antico frantoio e della molitura del grano, e delle cantine rupestri. A Irsina, con un investimento complessivo di 175 mila euro, la società Petit Prince di Potenza realizzerà un percorso virtuale ed emozionale, con riproduzioni tridimensionali dei segni culturali e religiosi dell’antico convento con uno ‘viaggio” tematico incentrato sulle ”meraviglie di Dio” con le opere di artisti di varie epoche. Il terzo progetto, affidato al Consorzio Mediterraneo di Matera, per un investimento di 175 mila euro, prevede, con due percorsi di fruizione notturna e diurna, di apprezzare le risorse naturalistiche e di conoscere con una narrazione tematica storie, curiosità e valori di un luogo particolare come un bosco. I promotori intendono fare dell’area naturalistica un luogo di conoscenza-intrattenimento-apprendimento, legato alla comunità, alla sua memoria, alla sua storia. I lavori saranno completati entro il 30 aprile 2015. (ANSA).