Primo semestre Pittella. Il governatore:”Nè Batman, nè Robin Hood”

“Non c’è nessun Batman che sta facendo miracoli. Facciamo un’operazione verità. Non sono né Robin Hood né Batman. Ammettiamo gli errori ma vogliamo che gli altri ammettanno le cose fatte”. Così il governatore Pittella, ieri in un’intervista nei nostri studi (che in coda all’articolo riportiamo integralmente), a commento dell’assestamento di bilancio e del pacchetto riforme.

Una serie di norme che tracciano una linea su alcuni temi importanti e su alcuni nervi da tempo scoperti in Basilicata. Dalla riforma della governance per gli enti lucani, al reddito minimo di inserimento fino alle infrastrutture, con l’acquisizione di quote consortili dell’aereoporto di Salerno.

Accanto a queste norme, ci sono poi temi più politici. Il governatore avrebbe chiesto ai vertici delle quattro aziende sanitarie lucane, ad Acquedotto Lucano e a Sviluppo Basilicata di “allineare le scadenze di mandato, senza sbavature e dismetrie” per poter rinnovare il quadro a dicembre. In altri termini, Pittella ha in mente cambi apicali entro fine anno.

La dead-line non riguarderebbe invece la giunta regionale, dalla quale il Presidente non si smuove e, in riferimento ad eventuali influenze del Pd, dice “Io rispetterò le prerogative del Partito, il Partito rispetti le mie”.

Nell’ultimo giorno di scuola dunque, Pittella ha fatto sintesi, aspettando di “ri-partire” a settembre con nuove riforme che “abbiano – ha detto- come obiettivo la Basilicata”.

Di seguito l’intervista integrale.